in caso di trombe d'aria e temporali con fulmini
menu
Dove siamo
Numeri utili
In caso di emergenza
protezione civile
Cosa è
In Italia
Nella Regione Toscana
Nella Provincia di Firenze
Nel Circondario Empolese Valdelsa
Ipotesi di rischio nel Circondario Empolese Valdelsa
Volontariato
Meteo Regionale
AdB fiume Arno
Normative e documenti utili

curiosita'
Galleria immagini
Glossario
Esercitazioni Arno 34

Sono i fenomeni naturali che più frequentemente si scatenano sul territorio e si possono manifestare con semplici rovesci temporaleschi, venti di una certa velocità e, in condizioni particolari, con grandinate ed acquazzoni, violenti con conseguenze spesso catastrofiche.

Se sei all'aperto

  • riparati velocemente in una zona sicura e al coperto
  • allontanati da alberi, tralicci, creste e picchi rocciosi
  • evita di usare l'ombrello
  • riponi in una borsa gli oggetti metallici
  • evita l'acqua: il mare, i laghi, i fiumi e le piscine
  • se puoi raggiungi e riparati dentro la macchina, se è al sicuro, ma ricorda di togliere l'antenna dell'autoradio

Se sei in macchina

  • guida lentamente raggiungendo un'area coperta e sicura
  • leva l'antenna della radio
  • evita le pozze d'acqua, perché gli schizzi potrebbero inondare il parabrezza e far perdere la visibilità della strada per alcune frazioni di secondo
  • usa marce basse e motore sempre al massimo per non fare entrare acqua nel tubo di scappamento

Se sei in un luogo chiuso

  • verifica che porte e finestre siano ben chiuse
  • stacca le spine dalle prese elettriche e gli spinotti dell'antenna televisiva
  • non toccare rubinetti, infissi di metallo o tutto ciò che può agire da conduttore
  • usa il telefono solo per reale urgenza
  • evita di stare vicino al caminetto
  • ascolta la radio per sapere maggiori informazioni sull'evento

Ricorda che:

Tuoni frequenti o intensi indicano che si sta avvicinando un fulmine.
Se vedete dei fulmini e udite il tuono siete in pericolo. Vento, pioggia e nuvole spesso agiscono da araldi.
Quando si vede un fulmine si può contare i secondi che passano prima che si oda il tuono e dividendo per cinque questo tempo si può calcolare quanto dista dalla nostra posizione. Nel caso in cui il lasso di tempo sia inferiore ai trenta secondi è opportuno cercare immediatamente un riparo.
Spesso il pericolo del fulmine diminuisce dopo aver udito l'ultimo tuono, ma alle volte può protrarsi anche per trenta minuti. Se anche il temporale non è proprio in quel punto ma solo in zona, il fulmine può colpire anche se c'è il sole e il cielo è sgombro.
contatore accessi

A cura del Centro Intercomunale di Protezione Civile